GRAFFITISHOP usa i cookie per garantire ai visitatori l'utilizzo delle funzionalità del sito, offrendo una migliore esperienza di acquisto. Navigando su questo sito web accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni riguardo l'uso dei cookie.
OK
Spedizione gratis* Consegna: martedì 13 Dic
Reso gratis* 30 giorni per ripensarci
Pagamenti sicuri Carta di credito o alla consegna

Fors

libreria garage garage 10
Garage

Garage 10

Riviste di Graffiti e Street Art

Ritorna Garage Magazine e ritorna la HandStyle Guide. Iniziamo quindi da qui a raccontarvi cosa troverete all'interno della sezione dedicata a tag e throw up: si parte dall'alfabeto disegnato da Lele e si continua con il milanese Smoy. Si prosegue poi con una lunga intervista alla canadese MVP crew (di cui fanno parte writer come Spoter, Causr, Rony, Hyer ed Engine) per arrivare allo svedese Stik e il suo stile raffinato e personalissimo. Uno dei migliori servizi è poi Crossed Out, in poche parole il fenomeno di crossarsi a vicenda e gli scazzi che ne derivano. Ma troviamo anche Ket da NYC, ovviamente con una interessante intervista sul passato e il presente, Barry Mc Gee (conosciuto anche come Twister) e una serie di suoi scketch e foto per l'occasione; infine una breve ma intensa galleria internazionale. La parte "istituzionale" di Garage si arricchisce di ulteriori sezioni, sempre decisamente legate al writing. Inizia una rubrica di viaggi, questa volta affidata a Trota THE. Si prosegue con un'intervista alla grafica Andrea Gustavson e all'attivissimo team di designer americano Upnorth, al fotografo Paul 107 (autore di AllCity: The book about taking Space) e al romano Stand, questa volta in veste multipla di fotografo, writer e pittore. Il writing raggiunge alcuni dei suoi picchi massimi con il francese Foe (qualcuno forse non se lo ricorda?) e l'italianissimo Giose: ad entrambi sono dedicate numerose pagine gonfie di foto e parole, citazioni ed esperienza che poche volte sono state viste su un magazine di questo tipo. Come testimonianza dal nord Europa troviamo infine un'intervista ad alcuni writer finlandesi particolarmente attivi in questi ultimi anni. Ancora una volta, a voi ogni commento.

€ 7,50
Spedizione gratis da € 50
libreria wasted talent descente interdite
Wasted Talent

Descente Interdite

Libri di Graffiti e Street Art

Descente Interdite è un maxi libro che racconta il writing sulle metro di Parigi. Già perchè la capitale francese, forse la più importante città per lo sviluppo dei graffiti in Europa, ha visto apparire i primi pannelli nel 1984 e da lì è stata un'escalation, fra momenti d'oro e periodi più difficili, fino alla situazione dei giorni nostri. Un periodo quindi piuttosto ampio viene raccontato con parecchio testo e, soprattutto, tantissime belle foto: più di 1200 scatti, fra il 1984 e il 2010. Un archivio impressionante, suddiviso per "ere": gli inizi, fino al 1989; il periodo d'oro fino al 1992; la riconquista del territorio fino al 1999; l'effetto boomerang fino al 2004 e, per finire, un titolo che non lascia dubbi, La metro non muore mai. I writer coinvolti sono praticamente tutti quelli che hanno lasciato il segno in questi anni, ma non sono i soli ad essere stati coinvolti: come in ogni lavoro di questa portata era necessario appronfondire anche con le controparti, che ugualmente hanno vissuto questo periodo, ma naturalmente con un altro spirito. E' quindi data la parola agli investigatori della RATP (la società che gestisce i trasporti parigini) e ai giornalisti che hanno scritto articoli sul writing in quel periodo, il tutto coordinato dall'autore Karim Boukercha, già responsabile della rivista francese di graffiti Wild*War. Layout semplice e ordinato, panoramica decisamente completa e tantissime foto inedite, praticamente tutte. Un unico neo per i lettori italiani: testo solo in francese. Ma nonostante ciò, assolutamente da avere nella vostra biblioteca, se siete degli appassionati di metro e treni.

€ 39,00
Spedizione gratis da € 50
Non hai trovato il prodotto che cercavi? Naviga per Reparto o Brand: