GRAFFITISHOP usa i cookie per garantire ai visitatori l'utilizzo delle funzionalità del sito, offrendo una migliore esperienza di acquisto. Navigando su questo sito web accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni riguardo l'uso dei cookie.
OK
Consegna gratis - Usa il codice FREEXMAS
Consegna gratis - Usa il codice FREEXMAS
  • KANGOL

    KANGOL

  • KANGOL

    KANGOL

Kangol

Kangol logo

La storia di Kangol è legata a doppio filo a quella dell’hip hop, anche se inizia molti anni prima. Terminato il primo conflitto mondiale, un reduce inglese inizia a importare il cappello basco dalla Francia, un cappello elegante ma popolare. Pochi anni dopo si mette a produrli in prima persona; il nome del suo brand, Kangol, è composto dalla K di “knitting”, dalla ANG di Angora, un tipo di lana pregiata, e dalla OL di “wool”. Diventa in fretta il fornitore dell’esercito britannico, e poco dopo sbarca nel mondo lifestyle, della moda di tutti i giorni. Il punto di svolta arriva con l’hip hop, una cultura abituata a recuperare vecchi capi mainstream, aggiungere un tocco swagger e rilanciarli come pezzi streetwear. Da LL Cool J a Eminem, da Slick Rick a Beyoncé: se hanno scritto una punchline, nell’armadio hanno sicuramente un cappello Kangol. Continua a leggere…
Leggi tutto
Il più famoso è il Furgora, un bucket in pelliccia di Angora e tessuto sintetico, con il logo Kangol, un canguro, sul davanti. L’offerta include anche beanie e cappellini stile snapback, con la visiera, ma il punto forte restano i bucket. Oltre a cappelli in velluto, ne esistono anche delle versioni in lana e altre furry, ispirate a quelle che hanno contagiato tutti i rapper americani, da Compton fino a Harlem.