GRAFFITISHOP usa i cookie per garantire ai visitatori l'utilizzo delle funzionalità del sito, offrendo una migliore esperienza di acquisto. Navigando su questo sito web accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni riguardo l'uso dei cookie.
OK
Spedizione gratis* Consegna: lunedì 21 Ago
Reso gratis* 30 giorni per ripensarci
Pagamenti sicuri Carta di credito o alla consegna

Yeezy Nonostante

libreria damiani rae martini 24 carat dirt
Damiani

24 Carat Dirt

Libri di Graffiti e Street Art

La scintilla è scoccata da giovanissimo, rapito dalla visione delle prime hall of fame a Milano. Rae Martini, ad appena 12 anni si avvicina al graffiti writing e qualche anno dopo, grazie a un mix ineguagliabile di passione e attitudine, diventerà non solo per la città stessa, ma per l’Italia, una delle figure di riferimento dell’intero movimento. Questo è il percorso del writer Rax-E, più tardi conosciuto come Rae, fino a diventare l’Artista Rae Martini, con la stessa determinazione e costanza che gli faceva passare le notti insonni in giro per la città, spostando solo l’attenzione da treni e muri verso qualcosa di differente, le tele, mantenendo il binomio creazione/distruzione, una costante nel mondo dei graffiti. ‘24 Carat Dirt’ è una monografia che raccoglie soprattutto il background di Rae Martini, il punto di partenza, ma anche l’evoluzione che ha portato la sua produzione nelle gallerie. Troviamo quindi ampio spazio agli sketch originali, ai bombing in strada, sulle banchine della metro di Milano, ai burner in hall of fame e soprattutto ai treni, per poi finire con una selezione delle opere più recenti. Un percorso lineare che nonostante il cambio di supporti mantiene un’innegabile coerenza stilistica e una costante crescita, dove il lettering più ricercato trova sempre un suo spazio. Un writer unico nel suo genere, con lo stile nel sangue. Definitivo.

€ 29,00
Spedizione gratis da € 50
libreria pro176 cosmonometry
 

Cosmonometry

Libri di Graffiti e Street Art

Cosmonometry è la biografia illustrata di Pro176, writer parigino, portavoce della scuola stilistica europea fortemente influenzata dalle basi newyorchesi del writing. Figlio delle banlieu parigine, Pro si avvicina ai graffiti sin da giovanissimo, preferendo le panchine delle stazioni della RER A, invece dei banchi di scuola. Il libro racconta i suoi approcci al mondo dell’Hip Hop, la sua smania di evadere dal grigio panorama delle periferie parigine, i suoi primi party illegali nei tunnel della metro, la sua evoluzione stilistica basata sull’incontro con maestri dello stile come Bando, Mode 2 a Parigi, Poem, Cope 2 e Wane a New York, Recto e Jaba a Liegi. Cosmonometry è vera e propria timeline di un personaggio chiave del mondo del writing europeo, che ha saputo coniugare le basi dello stile della mecca dei graffiti con una ricerca spasmodica di un proprio metodo nel lettering design. Artista a tutto tondo, nel corso della sua carriera Pro176 si dedica a tutto quello che riguarda il writing più puro, diventando un master sia nelle sue complesse produzioni su muro, sia nell’arte del throwup e del tagging, presente praticamente in ogni angolo di tutti gli arrondisment parigini, fino alla completa consacrazione della sua figura come illustratore, esponendo in moltissime gallerie tra la Francia, il Belgio, la Germania, l’Inghilterra e la Svizzera. Il libro ripercorre la sua carriera dagli esordi, documentando passo passo la sua evoluzione stilistica che, nonostante sia stata fortemente influenzata dallo stile d’oltreoceano anni 80, è giunta ad una evoluzione basata sulla passione per la geometria delle lettere e l’irraggiungibile complessità dello spazio, cosa che ha trasformato i suoi pezzi in veri e propri capolavori. Un prodotto imperdibile per chi vuole approfondire la conoscenza del lettering design più innovativo dell’ultimo decennio.

€ 39,90
Spedizione gratis da € 50
libreria dokument writers united Esaurito
Dokument

Writers United

Libri di Graffiti e Street Art

Entrare in un deposito di metro scavato nella roccia dura e gelida della nordica Svezia, seguire i writer nei tunnel più nascosti, nelle yard sperdute tra i campi e nel sottosuolo della città ma non solo: la strada, gli sketch e, ovviamente, la vita di coloro che hanno fatto il botto, che hanno raggiunto un rispetto unanime in Europa, che sono stati tra i quelli più in vista negli ultimi 6 anni e nonostante ciò non hanno mai stufato. E' un po' riduttivo ma questi sono i Writer United Football Club, meglio conosciuti come WUFC, la crew che più di chiunque altro ha sfondato le metro di Stoccolma e del resto d'Europa per anni e anni. E non si poteva trovare modo migliore per incorniciare un pezzo di storia recente dei graffiti. Dai creatori di They call us vandals e dei trei capitoli di Overground nasce questo incredibile libro gonfio di testo e fotografie che riesce a raccogliere una buona parte della produzione di questa crew da sempre dedita per lo più alla parte più hardcore del writing. Interessante il testo scritto da due giornalisti svedesi che per due anni hanno seguito i Writer United in yard, a casa, a bere birra nei pub e tutto il resto che rappresenta la loro vita: tutti i temi più cari (e caldi) vengono trattati: le motivazioni, la storia e quello che rappresenta ancora oggi, la guerra con la società e il sistema ferroviario, i backjump, i whole train e molto altro, il tutto senza peli sulla lingua e con estrema chiarezza, senza incomprensibili pensieri. Insomma, I WUFC come non li avete mai visti. Dopo una prima edizione esaurita nel giro di pochi mesi, torna in questa nuova veste: copertina morbida, dimensioni minori (17x24 cm) ed un prezzo speciale. Se vi siete persi la prima edizione questa è l'occasione giusta per acquistare il migliore titolo uscito dalla casa editrice di Underground Productions.

€ 19,90
libreria wasted talent descente interdite Esaurito
Wasted Talent

Descente Interdite

Libri di Graffiti e Street Art

Descente Interdite è un maxi libro che racconta il writing sulle metro di Parigi. Già perchè la capitale francese, forse la più importante città per lo sviluppo dei graffiti in Europa, ha visto apparire i primi pannelli nel 1984 e da lì è stata un'escalation, fra momenti d'oro e periodi più difficili, fino alla situazione dei giorni nostri. Un periodo quindi piuttosto ampio viene raccontato con parecchio testo e, soprattutto, tantissime belle foto: più di 1200 scatti, fra il 1984 e il 2010. Un archivio impressionante, suddiviso per "ere": gli inizi, fino al 1989; il periodo d'oro fino al 1992; la riconquista del territorio fino al 1999; l'effetto boomerang fino al 2004 e, per finire, un titolo che non lascia dubbi, La metro non muore mai. I writer coinvolti sono praticamente tutti quelli che hanno lasciato il segno in questi anni, ma non sono i soli ad essere stati coinvolti: come in ogni lavoro di questa portata era necessario appronfondire anche con le controparti, che ugualmente hanno vissuto questo periodo, ma naturalmente con un altro spirito. E' quindi data la parola agli investigatori della RATP (la società che gestisce i trasporti parigini) e ai giornalisti che hanno scritto articoli sul writing in quel periodo, il tutto coordinato dall'autore Karim Boukercha, già responsabile della rivista francese di graffiti Wild*War. Layout semplice e ordinato, panoramica decisamente completa e tantissime foto inedite, praticamente tutte. Un unico neo per i lettori italiani: testo solo in francese. Ma nonostante ciò, assolutamente da avere nella vostra biblioteca, se siete degli appassionati di metro e treni.

€ 39,00
libreria wild style Esaurito
 

Wild Style

Video di Graffiti e Street Art

Per la maggior parte dei writer più navigati, questo film non ha bisogno di introduzioni: ha rappresentato, anche se in misura diversa rispetto a Subway Art o Style Wars, il fulcro della cultura Hip Hop negli States nel periodo dei primi anni '80 Per i più giovani, è il caso di spendere qualche parola sul lungometraggio che ha consacrato il leggendario Lee e numerosi altri writer newyorkesi dell'epoca. La storia ruota intorno a Zoro (Lee), il più famoso e ricercato writer della Grande Mela, il quale si trova a dover affrontare quotidianamente le tensioni nel quartiere e le discussioni con Rose (Lady Pink) -la sua ragazza- favorevole ad intraprendere una carriera come artista e decoratrice, piuttosto che sentirsi relegata al ruolo di reietta e criminale della metropolitana. Dopo numerose discussioni, Zoro arriva alla rottura con Rose che, assieme ad altri writer, inizia a dipingere su commissione club e locali nel Bronx. Nonostante le pressioni di Fab 5 Freddy e Virginia (Patty Astor), una giornalista che cerca insistentemente di introdurlo nel mondo delle gallerie d'arte, Zoro continua imperterrito a cavalcare le linee metropolitane, in cerca di spot per dipingere wholecar e burners potentissimi. Questo documento è un must-have per tutti, sia per la possibilità di vedere all'opera writer come Lee, Lady Pink, Zephir, Crash, Daze e Dondi, sia per ciò che rappresenta a livello culturale: nel film recitano tutti i mostri sacri della scena Hip Hop del south Bronx, da Busy Bee a Grandmaster Flash, dalla Rock Steady Crew fino a Fab 5 Freddy. Una pietra miliare.

€ 28,00
libreria damiani alex fakso heavy metal Esaurito
Damiani

Heavy Metal

Libri di Graffiti e Street Art

Qualsiasi cosa si possa scrivere su Heavy Metal, non basta per descrivere la grandezza che si cela dietro a questo freschissimo prodotto editoriale. Alex Fakso ha dedicato gli ultimi quindici anni della sua vita ad uno scopo ben preciso: seguire ed immortalare alcuni dei migliori writer in azione sui treni di mezzo mondo. Erede di una tradizione di fotografi dediti a documentare le culture giovanili di strada, Alex si è spinto addirittura oltre, creando un tessuto di emozioni, adrenalina ed intimità con i soggetti dei suoi scatti. Motivo cui le foto pubblicate in questo volume di 164 pagine sono ancora più intense; perché, nonostante raccontino storie una diversa dall’altra, sono accomunate dalla medesima passione per il mondo in cui gravitano i writer fotografati: il train writing estremo, senza compromessi. Il libro, che si apre con le introduzioni della curatrice Giovanna Calvenzi, del famosissimo fotografo statunitense Jamell Shabazz e dello stesso Alex Fakso, è strutturato in due parti. La prima è dedicata agli scatti in bianco e nero, mentre la seconda illustra una selezione di scatti a colori. I writer presenti in questo libro sono troppi per essere citati nella totalità. Qualche nome in ordine sparso: MOD crew, Rocks, MB’S crew, Sand, THE crew, tra i tanti presenti. Un progetto che, citando Jamel Shabazz, “entrerà nella storia come uno dei più grandi libri, dedicati all’urban art, di tutti i tempi”. In altre parole, un libro tanto atteso quanto imperdibile. Versione con copertina rigida Preview

-35%€ 18,90 € 29,00
libreria garage garage 8 Esaurito
Garage

Garage 8

Riviste di Graffiti e Street Art

Garage. Basta la parola. E con questo numero farà parlare a lungo di sè. Ma scopriamo subito cosa ci aspetta. Innanzitutto il contenitore: 100 pagine, doppia copertina e quindi doppio lato, da una parte un numero esplosivo del classico Garage, dall'altra la (Hand)Style Guide, una selezione di alcuni dei migliori writer europei e nord americani impegnati in throw up e tag con foto mozzafiato stampate su carta riciclata; per finire, colore fluorescente e copertina plastificata. E i contenuti? Nella parte "tradizionale" troviamo l'intervista definitiva a due dei più amati writer italiani, Chob e Enist, due che hanno contribuito parecchio alla storia dei graffiti nel Bel Paese, con ben 10 pagine di foto e testo. Si prosegue con le ottime foto di Silvio Magaglio, in strada a Parigi e Liegie e con quelle di Kevin Martin che per Garage ha fotografato una fabbrica abbandonata di Londra gonfia di tag storiche. Inaspettatamente vincente il report, ovviamente condito da un ottimo testo, sulla KGS crew di Vilnius, Lituania, dallo stile decisamente funk. Per la parte di grafica intervista al duo BAD project, per le mostre l'itinerante WOW gallery e le "new form" di Herbert Baglione e Vasko, cileno finora quasi sconosciuto nonostante una mano incredibile. E molto altro con treni (solo italiani questo numero) e muri, ma... dall'altra parte? Throw up e tag. Si parte con i BEASS da Copenhagen, troviamo Ghost (RIS-AOK) in un'intervista che non lascia niente in sospeso, lo storico Bang (CKC), l'ottimo Skee da Amsterdam con una serie di foto realizzate per questo servizio da una fotografa che l'ha seguito ovunque, i fenomenali candesi VTS (qualcuno ricorderà qualche loro apparizione su Full Spectrum). Poi due chiacchere con il fotografo Roger Gastman, da sempre legatissimo alla visione del bombing nei graffiti, e un'infinità di altre cose impossibili da elencare in così poco spazio. Un numero gigante (è grosso come i numeri doppi di XG) che vi lascerà inchiodati a terra. Destinato a smuovere gli animi per i prossimi mesi...

€ 7,50
Non hai trovato il prodotto che cercavi? Naviga per Reparto o Brand: